Blog

La Russia ospita a Mosca l’etichetta salernitana “Bit & Sound Music”

Il musical sul ghiaccio più grande del mondo ospita in Russia anche artisti dell’etichetta salernitana Bit & Sound Music capitanata dal produttore Tino Coppola. Dopo le date in Italia, il 6 ottobre all’Arena di Verona ed il 19 – 20 ottobre al Palavela di Torino, nel cast i cantanti Luca Foffano e Gianni Scribano, unici artisti italiani del mega show nel “Romeo e Giulietta” di Ilya Averbukh che si terrà a Mosca presso l’Arena “Luzhniki” dal 1 ° all’ 11 novembre.

L’anteprima mondiale di “Romeo e Giulietta” si è tenuta a Sochi un anno fa, durante il quale oltre 1 milione di persone hanno potuto assistere al grande show, diventando il più grande successo nella storia degli spettacoli sul ghiaccio russi.

Ilya Averbukh è attualmente uno dei registi più famosi in Russia. Lui stesso nel passato è stato un atleta pattinatore, medaglia d’argento a Salt Lake City ed è il direttore dei più importanti eventi del paese. È a lui che dobbiamo la spettacolare cerimonia di apertura dei Mondiali di Calcio 2018 in Russia, ha anche preso parte alle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi Olimpici di Sochi, la cerimonia di apertura del World Hockey Championship. Solo negli ultimi anni ha realizzato più di 200 progetti in Russia ed in molti paesi del mondo.

Nello show di Averbukh “Romeo e Giulietta”, sono impegnati i più famosi pattinatori russi, tra cui 6 campioni del mondo e 12 campioni olimpici nei ruoli principali.Tatiana Totmianina e Maxim Marinin nei ruoli di Romeo e Giulietta sono stati campioni olimpici, cinque volte campioni d’Europa, due volte campioni del mondo, medaglia d’oro olimpica a Torino nel 2006 con la musica del famoso film “Romeo e Giulietta” di Franco Zeffirelli. Il ruolo di Mercuzzio è interpretato da uno degli atleti russi più titolati, il campione olimpico del 2002, quattro volte campione del mondo, tre volte campione d’Europa, due volte vincitore delle finali del Grand Prix. Il suo incredibile fascino e l’eccellenza lo hanno reso uno dei preferiti del pubblico in tutto il mondo, Alexei Yagudin è entrato nella Hall of Fame Pattinaggio di figura negli Stati Uniti. Roman Kostomarov nel ruolo del terribile Tybald, campione olimpico del 2006, due volte campione del mondo, tre volte campione d’Europa, tre volte vincitore delle finali del Grand Prix e tre volte campione russo.

Per la produzione di “Romeo e Giulietta”, tutti gli atleti hanno preso lezioni di scherma, e il fatale duello di scherma sul ghiaccio tra Tybald e Merkutstsio è uno dei più spettacolari dello show. I ruoli del principe e della principessa di Verona sono  interpretati dai campioni olimpici del 2014 Tatyana Volosozhar e Maxim Trankov.

Il progetto coinvolge più di 100 artisti. Splendidi  i costumi, sono stati cuciti più di 400 costumi. Il gruppo creativo e tecnico dello show impiega oltre 150 persone. La produzione utilizza opere di Sergei Prokofiev, Mozart, Bach, Mendelssohn e musiche originali create dal principale compositore di musical russi Roman Ignatiev. Le parti musicali sono interpretate da star del cinema, teatro e musical russo. L’adattamento in italiano presentato in anteprima all’Arena di Verona è stata curata dal team di produzione della Bit & Sound Music con la direzione del salernitano Tino Coppola con la collaborazione del russo Vladimir Jarnikov.

“Romeo e Giulietta” non è solo il più alto livello di pattinaggio artistico e musicale, ma ha anche una scenografia grandiosa. Gli spettatori ammirano le tecnologie più moderne, molti effetti speciali e persino una pioggia vera cade sul ghiaccio. La scenografa londinese Nina Kobiashvili ha creato una insolita soluzione concettuale al leggendario romanzo di Shakespeare. L’ispirazione per lei è stata l’arte di William Turner, in particolare i suoi paesaggi scozzesi e italiani, i motivi biblici e la musica barocca. La scenografia combina i due mondi della Gran Bretagna medievale e dell’Italia, oltre a un ruolo importante è giocato da una combinazione di elementi storici e moderni. Il set scenografico eccezionale è una soluzione nuova nella storia del dramma di Shakespeare. La parte centrale dello scenario è occupata dall’immagine di un pugnale che si schianta contro la vetrata del Tempio dell’Amore. Questa immagine è il leitmotiv dell’intera opera e, a seconda dell’illuminazione sul palco, viene creata un’atmosfera di gioco, celebrazione, battaglia, morte, dolore. Il design dello sfondo del palcoscenico è vicino agli interni del Globe Theatre di Shakespeare a Londra, così come elementi del molo sul Lago di Garda a Verona. La casa di Giulietta è stata creata come un’ analogo dell’architettura dell’Abbazia di Melrose in Scozia.